Francesco Galella

Dopo una Pasqua instabile, tempo in deciso miglioramento, Pasquetta con clima più mite e soleggiato

La Pasqua appena trascorsa, ha visto come protagonista un brusco abbassamento delle temperature, per l’aria fredda che segue lo spostamento del vortice depressionario Franziska verso i Balcani. Vortice che nella giornata di Sabato 31 Marzo è stato responsabile dell’intensa libecciata che ci ha interessati, con venti che sul settore occidentale hanno raggiunto anche i 100 km orari in alcune zone. L’arrivo dell’aria fredda dalla Valle del Rodano poi ha innescato una serie di contrasti, con rovesci anche temporaleschi che si sono generati sul tirreno e hanno interessato direttamente i comparti occidentali nella scorsa notte, riuscendo anche a sfondare l’appennino, portandosi verso est. La prossima notte vedrà temperature abbastanza fresche, sui rilievi appenninici si scenderà in alcuni settori anche sotti i 5 gradi, mentre sul versante orientale avremo valori meno freddi. Entriamo quindi nella previsione per Pasquetta (Lunedì 02 Aprile), iniziando con l’analisi della situazione atmosferica prevista per le ore centrali del giorno:

L’immagine del LAMI conferma l’espansione dell’Anticlone Klaus, il quale comporterà un aumento della pressione atmosferica, quindi con maggiore stabilità. Nel contempo la vasta depressione Franziska si allontanerà definitivamente verso est portando maltempo sui Balcani.

Nel dettaglio vediamo il tempo previsto sulla nostra regione per la giornata di domani:

La giornata sarà caratterizzata da cielo sereno o poco nuvoloso, la ventilazione si manterrà debole dai quadranti sud-occidentali, con qualche leggero rinforzo sul versante occidentale. Tali correnti da sud-ovest favoriranno anche un aumento delle temperature in particolare sul settore orientale lucano, un lieve effetto Garbino farà registrare valori fino a +17/+18 gradi da San Nicola di Melfi fino al Metapontino. Clima più fresco sulla parte sud-occidentale della regione dove i valori massimi si manterranno sotto i +15 gradi. Per maggiore chiarezza alleghiamo qui di seguito le massime previste dal nostro modello matematico GMWRF

Ci aspetta quindi una Pasquetta all’insegna del sole e del clima primaverile, giornata ideale per gite fuoriporta e per mangiate all’aperto, miraccomando rispettate l’ambiente e prudenza sulle strade. Dal punto di vista previsionale terminiamo qui, augurandovi ancora una Buona Pasqua a tutti voi.

Francesco Galella

 

Caldo in graduale aumento con Nilüfer, poi fine settimana dal caldo intenso per l’arrivo di Oldenburgia

Un salut a tutti gli utenti di MeteoLucania.it, le temperature come previsto nell scorse analisi postate sulla nostra pagina di Facebook, hanno subito un sensibile calo. La depressione Kolle si è portata sui Balcani, con aria fredda che al suo seguito si è riversata sull’Adriatico. Nella giornata di Domenica 20 abbiamo avuto anche delle manifestazioni temporalesche, sul Materano (in alcune zone) sono caduti diversi millimetri di pioggia, con fenomeni temporaleschi. Sul Potentino invece a parte un pò di nubi generate dall’arrivo dell’aria più fredda non si sono create le condizioni per lo sviluppo di temporali.

Continua a leggere

Ondata di caldo eccezionale sull’Italia portata da “JOLANDA”, l’Anticiclone Nord-Africano, oltre 40 gradi su molte regioni.

Buonasera a tutti gli utenti di MeteoLucania, la giornata di oggi ha visto temperature in costante crescita, rispetto a ieri abbiamo registrato un aumento di almeno due gradi, le massime in alcune zone del Metapontino hanno raggiunto i +37 gradi, valori di oltre 35 gradi in generale sono stati registrati su tutti i settori orientali. Ha fatto molto caldo anche lungo l’Appennino a causa delle correnti orientali che vanno a generare una specie di effetto fohen sui settori occidentali.

Continua a leggere

Il caldo ha le ore contate, “Alfred” sta arrivando. E’ seguito da intensi venti di maestrale e temporali.

Un saluto a tutti gli utenti di MeteoLucania, la settimana che si è appena conclusa ha visto come protagonista, l’anticiclone sub-tropicale, il quale ha interessato in particolar modo le nostre regioni centromeridionali, dove le temperature massime hanno superato i  +35 gradi. Non si è trattato di un ondata di caldo eccezionale, la massa d’aria rovente con isoterme a 850hpa superiori ai +30 gradi, sono infatti rimaste sul nord-africa, è venuto a mancare infatti quella spinta depressionaria che le avrebbe portate sulla nostra penisola determinando quindi un ondata di caldo ancora piu’ forte di quella che stiamo vivendo.

Continua a leggere

In Collaborazione con

Ultimi Aggiornamenti da Facebook