L’estate mostra i muscoli. Da metà settimana al via una fase atmosferica molto calda

L’estate questa volta farà sul serio. Al via una settimana molto calda in Basilicata, con temperature in aumento sia nei valori minimi che massimi. Da martedì 28 luglio l’anticiclone presente sul Mediterraneo si arricchirà di una decisa componente africana (tendenza questa che avevamo ipotizzato nell’appuntamento a lungo termine della scorsa settimana). La nuova figura barica riuscirà a prendere possesso di tutti i nostri territori. A metà settimana i termometri, in salita rapida, si porteranno diffusamente su tutta la regione al di sopra dei 34-35 gradi di massima con punte di 38 gradi in non poche aree del Melfese e valori anche di 40 gradi sulla bassa collina materana e sui territori al confine con il Foggiano. Farà molto caldo ovunque, anche a Potenza, nei comuni montani del Marmo Platano e nel Lagonegrese, con clou del caldo da mercoledì 29 a sabato 1 agosto. La fase atmosferica non sarà eccezionale ma comunque risulterà piuttosto significativa, con caldo “opprimente” o “molto opprimente” nelle ore centrali del giorno lontano dalle coste, nonostante i tassi di umidità non elevati daranno alla calura un volto più sopportabile, ma soltanto dopo le ore 23:00/24:00 della tarda serata. I colleghi nel breve termine andranno a visionare giorno per giorno i picchi del caldo che stasera è complicato e azzardato prevedere nel dettaglio. Ed ora un po’ di mappe. Questa è la mappa previsionale del modello europeo Ukmo a 120 ore per venerdì 31 luglio (figura 1) con la +24 a 850 hpa che attraversa la nostra regione.

Figura 1, Ukmo a 120 ore per venerdì 31 luglio

Nel focus italico questa cartina del modello americano Gfs rincara la dose per venerdì mattina (figura 2) proponendoci anche tracce di una +26 nelle zone interne.

Figura 2, clou del caldo venerdì 31 luglio per GFS

Ecco invece la media ensamble Gfs per il nord potentino (figura 3) che lascia intravedere dal 3-4 agosto un possibile ritorno dell’instabilità atmosferica, forse dovuto ad un abbassamento progressivo del flusso atlantico che dovrebbe interessare più direttamente il Nord Italia.

Figura 3, media ensamble con qualche incertezza dal 4 agosto

Incertezza previsionale sul lunghissimo termine (dal 4 agosto in poi) con un vero e proprio “braccio di ferro” tra una stabilizzazione del caldo e un contesto estivo caratterizzato, invece, dal ritorno dei temporali con temperature più accettabili. Per chiudere due mappe del modello previsionale europeo ECMWF, la prima lascia intravedere un primo parziale calo delle temperature da lunedì 3 agosto (figura 4).

Figura 4, ECMWF, contenuta attenuazione del caldo dal 3 agosto

Dal 5 agosto sembrerebbe che aria più fresca di origine atlantica riesca a penetrare con decisione anche al Sud italia (figura 5).

Figura 5, ECMWF, ipotesi più fresca dal 5 agosto

Il range temporale molto alto (ben 240 ore) rende questa ipotesi previsionale decisamente “ballerina”. Staremo a vedere. Alla prossima settimana

Commenta con Facebook l'Articolo