L’estate si concede una pausa, da metà settimana tornano fresco e temporali

Caldo in ritirata e break estivo in vista. Come nelle previsioni la settimana appena trascorsa è stata molto calda su tutto il comparto del Mediterraneo centrale, Basilicata compresa. Niente di eccezionale (siamo nel cuore dell’estate) ma questa volta la stagione delle alte temperature ha provato a mostrare i muscoli grazie ad un temporaneo rinforzo dell’anticiclone di matrice nord-africana, pur se non sono mancati temporali di calore, localmente anche intensi e violenti, in particolare sulle aree meridionali della regione tra giovedì 30 luglio e sabato 1 agosto. Adesso dalla serata di martedì 4 agosto e, soprattutto da mercoledì 5, è pronto un cambio deciso della circolazione atmosferica con l’arrivo di correnti molto più fresche ed instabili. Questa volta vorrei partire con la mappa relativa alla media Ens di Gfs per il nord potentino (figura 1).

Figura 1, media Ens di Gfs

Si evince il progressivo e rapido crollo delle temperature a 850 hpa da martedì con apice della nuova fase atmosferica tra 5 e 7 agosto, giorni nei quali si scenderà sotto la media del periodo a livello termico. Da sabato 8 e domenica 9 agosto graduale risalita dei termometri, ma si resterà sempre in un contesto termico gradevole per il periodo con caldo che potrebbe non manifestarsi più in forma decisa almeno fino alle porte di Ferragosto. Questa la mappa del modello europeo Ukmo a 96 ore per mercoledì 5 agosto (figura 2) con la diminuzione delle temperature che è già solida realtà. Il calo termico anche marcato nei valori massimi potrebbe essere di circa 10 gradi.

Figura 2, Ukmo 96 ore, calo termico a 850 hpa

Si veda anche questa mappa di ECMWF su scala italica per giovedì 6 agosto (figura 3).

Figura 3, ECMWF per giovedì 6 agosto

Per quanto concerne le precipitazioni, c’è da attendersi anche dopo il passaggio del primo nucleo freddo tra martedì notte e mercoledì mattina una certa instabilità atmosferica come si evince da questa cartina localizzata del modello americano Gfs per il pomeriggio di giovedì 6 agosto (figura 4).

Figura 4, mappa pioggia Gfs per giovedì 6 agosto

Il tutto è dovuto alla presenza di una goccia fresca in quota, ma anche al suolo, come conferma ECMWF sempre per la giornata di giovedì 6 (figura 5) con un ponte anticiclonico che dalla penisola iberica arriverebbe fino a buona parte dell’Europa centro-settentrionale.

Figura 5, goccia fresca al Sud giovedì 6 agosto

La posizione alto-pressoria lascerebbe scoperto proprio il Sud peninsulare e, quindi, la Basilicata che resterebbe sotto l’afflusso di aria più fresca ed instabile almeno fino a venerdì 7 agosto (figura 6).

Figura 6, ECMWF per venerdì 7 agosto

Cosa succederà dopo? Il tempo sembrerebbe non guarire subito, probabile un moderato aumento delle temperature da sabato 8 e, soprattutto, da domenica 9 agosto ma con l’incognita della persistenza sull’area ellenica di una debole circolazione ciclonica (figura 7).

Figura 7, instabilità in agguato su area ellenica e Basilicata per l’8 agosto

Tuttavia da domenica 9 agosto il tempo dovrebbe migliorare anche da noi con aumento termico un pochino più significativo.  Questa mappa piuttosto lontana sempre di ECMWF per lunedì 10 agosto a 192 ore (figura 8) mostra la parte occidentale del Mediterraneo coinvolta da una risalita di aria piuttosto calda, mentre l’Italia resterebbe ai margini, ancora di più i nostri territori alle prese con clima gradevole per il periodo.

Figura 8, carta a 192 ore a 850 hpa

Il caldo? Forse quello vero potrebbe rifare la sua comparsa prima di Ferragosto, ma per ora è solo una timida ipotesi da confermare o smentire seccamente fra sette giorni. Alla prossima settimana.

Commenta con Facebook l'Articolo