L’estate spara ancora qualche cartuccia, dal 21 nuova avvezione calda ma sarà breve

Nuova zampata del caldo in vista nel medio-lungo termine, ma si tratterà probabilmente di una fase non lunga che dovrebbe durare non più di 60 ore. Prosegue a sbalzi questa estate 2020, caratterizzata da fasi molto più stabili e altre un po’ più fresche, a testimonianza di una maggiore dinamicità rispetto alla stagione dello scorso anno caratterizzata, invece, da una più incisiva persistenza siccitosa. A partire da venerdì 21 agosto, ci sarà un temporaneo rinforzo dell’anticiclone di matrice nordafricana, nello specifico si tratterà di una avvezione calda cosiddetta “pre-frontale”, anche significativa, che andrà a precedere un nuovo repentino calo delle temperature in evoluzione dopo il 24 agosto, data a partire dalla quale potrebbe tornare ad affacciarsi anche un po’ di instabilità atmosferica. Ma proseguiamo per gradi. Ecco la mappa del modello europeo Ukmo per venerdì 21 agosto (figura 1). Si evince la fase iniziale del rialzo delle temperature a 850 hpa.

Figura 1, venerdì 21 agosto, Ukmo. Inizio avvezione calda

L’apice della nuova fase atmosferica avverrà tra sabato 22 e domenica 23 agosto, giorni nei quali si salirà a livello termico al di sopra della media del periodo con termometri che, in diverse località della regione, andranno a superare di nuovo i 35-36 gradi. Si veda anche questo focus italico di Gfs per sabato 22 agosto, con temperature che, a 850 hpa, andranno a toccare i +25 gradi alla ragguardevole altezza di circa 1500 metri (figura 2).

Figura 2, sabato 22, caldo apprezzabile sulla Basilicata

Clima caldo anche domenica 23 come suggerisce questa mappa del modello ECMWF (figura 3) mentre al Nord il quadro termico comincia a scendere.

Figura 3, ECMWF per domenica 23 agosto a 850 hpa

Cosa succederà dopo? Possibile una progressiva riduzione dell’onda di calore per l’afflusso di correnti più fresche oceaniche con moderata diminuzione delle temperature sulla nostra regione dalla serata di lunedì 24. Per il lunghissimo termine sembrerebbe confermata un’estate al crepuscolo, ma ancora presente, con possibilità però di instabilità atmosferica. Il tutto è evidenziato dalla mappa della media Ens di Gfs per il nord-potentino (figura 4).

Figura 4, Media Ens, calo termico con possibile instabilità dopo il 24 agosto

Gli spaghi mostrano tuttavia ancora buoni margini di incertezza. Infatti il modello europeo ECMWF dopo il 25-26 agosto (figura 5) ci impone comunque massima prudenza.

Figura 5, ECMWF caldo senza eccessi

Il Nord vivrebbe una fase più fresca e il Sud sarebbe alle prese con un contesto termico più estivo (caldo moderato e senza eccessi) e nel complesso gradevole. Il termine gradevole ben si armonizza con un quadro atmosferico generale che vede le giornate cominciare ad accorciarsi in modo più significativo, con perdita graduale e costante dei minuti di luce. Alla prossima settimana.