Nuova fase di maltempo a metà settimana. Neve lontana per le basse quote

La nostra regione è entrata finalmente in una spirale di stampo autunnale con episodi piovosi sia pure alternati a fasi asciutte. L’inverno meteorologico bussa alle porte (il primo dicembre!) ma per ora ci mostrerà più un volto piovoso di stampo autunnale che freddo. Ad inizio settimana è previsto un temporaneo miglioramento delle condizioni atmosferiche (lunedì sarà comunque una giornata decisamente più fredda per l’ingresso di venti settentrionali)  ma per metà settimana è previsto un nuovo guasto del tempo più incisivo che, questa volta, dovrebbe colpire maggiormente i versanti tirrenici ed appenninici anche se a seguire anche la parte ionica avrà la sua buona dose di fenomeni.

Ecco la mappa di Ukmo che lascia intravedere la formazione di una nuova saccatura in ingresso nel bacino del Mediterraneo da mercoledì 2 dicembre (figura 1)

Figura 1, la saccatura in ingresso da mercoledì 2 dicembre

Tra mercoledì sera e giovedì mattina tornano le piogge con venti in sensibile rinforzo da libeccio e poi in rotazione da ovest-nordovest. Per giovedì moderato calo termico con nevicate al di sopra dei 1200-1300 metri sui crinali appennici più esposti del Lagonegrese, del Pollino e del Potentino centro-settentrionale. Attenzione ai venti che da mercoledì e per tutto il resto della settimana rappresenteranno un fattore atmosferico molto importante. Situazione comunque da seguire con gli aggiormamenti a breve termine perchè tutto potrebbe stravolgersi in poco tempo e disattendere totalmente questa analisi.

.

Intanto La Media ENS di GFS per il nord potentino lascia intravedere una settimana molto dinamica con almeno due  episodi piovosi, quello più importante a metà settimana. CLICCA QUI

Verso il prosismo weekend, il modello europeo ECMWF lascia intuire una nuova saccatura nordtlantica molto estesa e pronunciata in avvicinamento che sarà preceduta da intense correnti meriodanali. Aumento termico probabile tra il 6 il 7 dicembre con venti da libeccio sul Tirreno centrale e da scirocco sullo Ionio e su buona parte della Basilicata ad inizio, appunto, del prossimo fine settimana.

Figura 2, ECMWF per sabato 5 dicembre

Lo spostamento dell’area depressionaria poi verso ovest dovrebbe far peggiorare il tempo anche dalle nostre parti, ma forse non prima di domenica 6-lunedì 7 dicembre.

Gli amanti della neve devono rinviare a più lontane occasioni l’appuntamento con la “dama bianca”, almeno a quote medie e basse, come già scritto la scorsa settimana. La pioggia non mancherà e neppure le nevicate, ma solo in alta montagna. Almeno non ci si annoierà e, finalmente, le dighe e gli invasi torneranno ad accumulare preziosa acqua.

Staremo a vedere. Alla prossima settimana