Temperature in deciso aumento dal 4 giugno. Torna un po’ di caldo ma senza eccessi.

Il caldo estivo si farà ancora attendere oppure ci raggiungerà puntuale ed incisivo nel corso del nuovo mese? Ricordiamo che l’estate meteorologica è in ingresso soltanto da lunedì 1 giugno e che il mese di maggio, ormai al termine, è pur sempre un mese primaverile. L’ultima decade di questo maggio è stata abbastanza fresca e instabile e si è caratterizzata per temperature gradevoli ed in certi casi anche ben sotto le medie del periodo. A lungo termine non si intravedono importanti ondate di calore sui nostri territori. Partendo da questa carta del modello europeo Ukmo a 144 ore per giovedì 4 giugno (figura 1) si nota comunque un cambio delle correnti rispetto agli ultimi 10 giorni, con venti che tornano a disporsi dai quadranti meridionali e che, quindi, annunciano un aumento delle temperature sia in quota che al suolo.

Ukmo per giovedì 4 giugno

Questa mappa LAMI AURUM (dati Icon-Dwd) di Meteolucania riferita a 120 ore mette in mostra la rotazione dei venti dai quadranti meridionali sul Tirreno centrale (figura 2)

Figura 2. Venti a 120 ore

Fase più calda in arrivo pertanto dal punto di vista termico a partire dal 4-5 giugno, come conferma anche questa mappa di ECMWF per la metà giornata del 5 giugno a 850 hpa con isoterme di nuovo che puntano verso l’alto (Figura 3).

Figura 3, ECMWF per venerdì 5 giugno

Ma non sarà l’inizio di una duratura fase stabile e soleggiata con predominio anticiclonico, ma di moderate onde di calore pre-frontali determinate da affondi perturbati sulle aree occidentali o nordoccidentali europee. Ecco questa ECMWF a 192 ore (figura 4) disegnare la temporanea risalita calda nordafricana che ci darà 2-3 giorni di assaggio estivo.

Figura 4, ECMWF, la temporanea risalita nordafricana per il 6 giugno

Gli affondi perturbati su Europa occidentale anzi, dal 7-8 giugno potrebbero guadagnare chilometri verso est e cominciare a toccare anche il Mediterraneo centrale con progressivo calo termico e guasto del tempo su italia centro-settentrionale e nuova instabilità in arrivo anche sulla nostra regione (figura 5).

Figura 5, nuovo moderato calo termico

Per quanto concerne le piogge, questa carta Ensamble GEFS del 29 maggio sera per il nord potentino (figura 6) conferma una moderata ripresa delle temperature a 850 hpa e a 500 hpa per inizio giugno con fase più calda dopo il 4-5 giugno, ma senza eccessi e possibile una nuova tendenza (da confermare) verso un moderato ribasso dal 7-8 giugno quando il tempo potrebbe peggiorare a partire dall’Italia centro-settentrionale .

Figura 6

Per le piogge riteniamo che, come consuetudine nel mese di giugno, i fenomeni saranno per lo più legati, ove presenti, all’instabilità pomeridiana oppure ad acquazzoni improvvisi o temporali dovuti al passaggio della parte terminale dei fronti. Alla prossima settimana.